ALLA SCOPERTA DEL VALMALENCO pt. 2

ALLA SCOPERTA DEL VALMALENCO pt. 2
ALLA SCOPERTA DEL VALMALENCO pt. 2

Continuiamo con i percorsi guidati e altre informazioni utili:

QUINTO PERCORSO (FREERIDE): Funivia – Barchetto – Primolo – Chiesa in Valmalenco

Per questo percorso, si prevede di salire in funivia.Mentre per quanto riguarda la discesa: si parte diretti verso il lago Palù; una volta arrivati, si costeggia il lago e si prosegue sulla destra, imboccando un sentiero subito dopo che vedrete una casa.  Questo sentiero inizialmente appare semplice, con una strada larga che permette anche di acquisire velocità; poi man mano inizia a farsi sempre più stretta e anche la superfice, ricoperta ora di sassi, diventa più impervia.

Arrivati a metà percorso, è possibile vedere delle baite: siamo finalmente giunti alla prima tappa, Barchetto. Dopo aver fatto un giro, si sale per un sentiero che porta a una piana, dove ci sono anche delle casette. Da qui inizia la discesa su asfalto fino ad arrivare a San Giuseppe e andando sempre dritto, si arriva al sentiero sulla destra che porta al fiume.  Arrivati a questo punto, vi è un tratto di circa 150m un po’ problematico, perciò si è costretti a portare le bici a mano; dopo di che inizia un lungo sentiero reso da poco pedalabile che porta fino a Primolo.

Prima di arrivare a Primolo, consigliamo di fare una sosta culinaria allo Chalet in pineta: verrete attirati da un inconfondibile profumo di salsiccia e polenta, che facilmente vi distoglierà dal vostro percorso. Dopo essersi riposati e con lo stomaco più pieno, si prosegue attraversando l’abitato; arrivati alla fontanella, vedrete sulla sinistra un percorso: inizia il “Free ride del cimitero”, un sentiero più tecnico e veloce, ma che consigliamo di fare, che vi permette di arrivare direttamente a Chiesa in Valmalenco.

ALLA SCOPERTA DEL VALMALENCO pt. 2
ALLA SCOPERTA DEL VALMALENCO pt. 2

SESTO PERCORSO (FREERIDE): Funivia – rifugio Motta – Lanzada – Chiesa in Valmalenco

La salita è in funivia, arrivati su si prosegue per 10m fino al rifugio Motta, dove si fa un piccolo pit-stop e si può godere di un bellissimo panorama.

Subito dopo il rifugio inizia la fase di discesa: vi è un sentiero che porta alla falesia sottostante, dove si fa l’arrampicata. Purtroppo dopo pochi metri si trova un tratto impossibile da fare con corde fisse. Inizia poi uno dei più bei sentieri lenti e tecnici tra quelli proposti; questo è un tratto particolare, in cui ci sono delle curve molto strette che costringono ad avere prudenza e al non poter correre, ma al tempo stesso per molti risulta essere tra i tratti più divertenti.

SNOWBIKE

Da vari anni tra le attività previste vi è anche quella dello snow biking, durante i mesi invernali. Anche questo tipo di attività prevede l’uso di una mountain bike, ma con gomme adatte alla neve. Questo tipo di attività si svolge nel pomeriggio, quando ormai gli impianti sono chiusi e cala il sole, si può godere così della bellezza del paesaggio e del silenzio. È un’esperienza che consigliamo di fare a tutti!

Il tour prevede a seconda delle condizioni e della presenza della neve, la pratica lungo i sentieri che dal lago Palù arrivano a San Giuseppe. Il prezzo è di circa € 25/pers per la discesa  (il prezzo comprende il noleggio della MTB da discesa, il materiale di protezione e la guida). Vi ricordo che per poter partecipare alle nostre attività è obbligatorio avere la tessera soci MalencoBike (del costo di 10 euro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.