Il mondo della Mountain Bike parte 1

Fare una panoramica del mondo delle mountain bike non è semplice, poiché è attualmente il più sfaccettato e in continua evoluzione del panorama ciclistico. In sella a due grosse ruote cercheremo di percorrere un viaggio attraverso le discipline della mountain bike, indicando le caratteristiche delle diverse bici ma anche le doti tecniche e fisiche che sono richieste al biker.

Il mondo della Mountain Bike parte 1
Il mondo della Mountain Bike parte 1

La disciplina del Cross-Country, una corsa fuoristrada
Il Cross country (spesso abbreviato in XC) in inglese significa “fuoristrada”, è l’unica disciplina della mountain bike ad essere entrata nel programma delle Olimpiadi estive. Si tratta di una competizione che si sviluppa lungo un circuito ad anello di lunghezza compresa tra i 4 e i 10km, che viene ripetuto per un numero definito di giri. Le gare di cross-country comportando un elevato livello di sforzo poiché la gara comporta molti passaggi tecnici e richiede che i biker mantengano una velocità sostenuta per tutta la durata della gara.
Che bici mi serve? Le bici scelte per il cross-country sono generalmente delle front (ovvero presentano soltanto la forcella ammortizzata anteriore), devono essere in grado di sostenere rapide accelerazioni e mantenere agevolmente velocità elevate. Come mi vesto? Le divise dei pro-biker da XC somigliano molto a quelle dei corridori su strada: calzoncini e maglietta in lycra e solitamente indossano dei guanti rinforzati, occhiali e caschetto leggero e aerodinamico.
Chi vuole praticare questa disciplina deve avere una buona capacità polmonare e una predisposizione fisica a far lavorare il cuore perennemente sopra la soglia anaerobica. Le gare di cross-coutry giocano sull’energia fisica dei partecipanti, che devono possedere l’abilità di “leggere il percorso” che ci si para davanti, così da anticipare il percorso e riuscire a capire quando poter prendere fiato e quando invece spingere sui pedali.
La cross-contry marathon

La cross-coutry marathon, invece, conosciuta meglio con la sigla XCM, non è nient’altro che la versione su sterrato delle granfondo del ciclismo su strada. In questo tipo di gare i percorsi sono ad anello ma molto più lunghi della disciplina che abbiamo citato sopra, infatti raramente si effettua più di un giro, i dislivelli da affrontare si molto impegnativi e la durata anche, per questo ciò che conta è sapersi gestire.
Che bici mi serve? Le bici da XCM sono bici da competizione e mutuano molti aspetti tecnici da quelle dedicate all’XC. I telai sono full-suspended (ovvero presentano una forcella ammortizzata anteriore e un ammortizzatore, detto shock, al posteriore). Come mi vesto? La “mise” del granfondista da XCM è identica a quella del collega da XC. Una delle differenze è che indossano maglie con grandi tasche posteriori per poter contenere barrette energetiche e anche una giacca antivento, molto importante poiché questo tipo di gare molto spesso si svolgono in montagna. Per consentire l’evacuazione del calore e del sudore devono indossare dei caschetti leggeri e con molte prese d’aria.

Mountain Bike

Per poter partecipare ad una gara di cross-coutry marathon innanzitutto bisogna lavorare sulla resistenza, poiché bisogna mantenere un ritmo di pedalata nel tempo e soprattutto saper stare in sella per molte ore ed imparare a gestire la fatica ad a sopportare il dolore. Queste competizioni vengono spesso definite “spaccagambe” in quanto nei percorsi si alternano lunghe salite, discese tecniche, strappi improvvisi e tratti di piano in cui spingere. Se ho attirato la vostra attenzione non possiamo non continuare il nostro viaggio nel mondo delle moutain bike, per questo non perdetevi i prossimi articoli e così da scoprire qual è la sella adatta per voi!